Giornata nazionale contro le mafie

Lunedì 18 marzo, si é tenuto l’incontro in occasione del 21 marzo, giornata della memoria delle vittime innocenti delle mafie, presso la Villa confiscata a Francesco Mazzaferro, uno dei due capi mafiosi della ‘Ndrangheta Valsusina.
L’argomento principale era sicuramente il rapporto tra democrazia e mafia, al quale si é rivolto un “Brain Storming” cui hanno partecipato attivamente i ragazzi di tutte le classi, facendo riferimento all’unica parola “mafia”.

Gabriele, un associato di Libera, in funzione di relatore ha aiutato i ragazzi a raggruppare le idee, e in alcuni casi a fare chiarezza. Sono stati sviluppati tanti concetti, ma il succo è stato di individuare l’obiettivo per il quale si organizza la mafia.
La mafia, a differenza di una qualsiasi organizzazione criminale, ha uno scopo ben preciso : essa vuole avere il potere e il controllo del territorio. Fino al 1982 esisteva un unico articolo a occuparsi della criminalità organizzata; da quell’anno entrò in vigore l’articolo 416 bis, dedicato totalmente alle attività collegate ad associazioni mafiose.
Comunemente si riconoscono le tre mafie storiche: Cosa Nostra, ‘Ndrangheta e Camorra, ma sarebbe un errore limitarsi a questa divisione. È ormai risaputo che la mafia si é diffusa in una moltitudine di territori, compresi quelli esteri, andando a formare una gran quantità di nuovi clan.

In questo modo la mafia ha potuto espandersi fino a raggiungere il nostro piccolo comune di confine. Durante gli anni 60/70, nel pieno del boom edilizio, due esponenti mafiosi vennero “esiliati al confino” a Bardonecchia nella speranza che potessero condurre una vita lontana dall’illegalità. Mazzaferro e Lo Presti ne approfittarono per proseguire le loro attività in questi luoghi e quando furono smascherati, la loro abitazione fu confiscata e successivamente affidata al comune per l’utilità pubblica.

In questo modo nasce l’associazione Liberamente Insieme e “L’Alveare” è diventato luogo di incontro e di svago per i giovani e per altre associazioni come i gruppi Scout e CAI.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: